Αναξιμανδρος ειρηκε.

Αναξιμανδρος … αρχην … ειρηκε των οντων το απειρον … εξ ων δε η γενεσις εστι τοις ουσι, και την φθοραν εις ταυτα γινεσθαι κατα το χρεων διδοναι γαρ αυτα δικην και τισιν αλληλοις της αδικιας κατα την του χρονου ταξιν.

Anassimandro disse che il principio delle cose che sono è l’infinito (apeiron), da cui è la generazione alle cose che sono, e in cui (nell’apeiron) avviene anche la corruzione (delle cose che sono) in seguito al debito: infatti le cose che sono pagano le une rispetto alle altre il fio della loro ingiustizia (mito orfico?) secondo l’ordine del tempo.

Annunci

There are no comments on this post.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: