Callino di Efeso.

Ma inerti fino a quando. o giovani? Il cuore quando
avrete saldo? Vergogna non provate a così tanta
fiacchezza coi vicini? Tranquilli giacete come in pace,
mentre tutto è nella morsa della guerra.
E’ cadendo che si scaglia l’ultima lancia.
Nobile e onorevole per l’uomo è combattere
in difesa della terra, dei figli, della sposa dai nemici.
Verrà la Morte sul filo delle Parche. Alta brandendo
l’asta ognuno avanzi, il cuore all’ombra dello scudo
saldo al primo cimento della mischia. In alcun modo
è dato all’uomo di evitare il proprio destino,
neppure se discende da immortali, Anzi,
a volte, subito appena ha scansato la battaglia
e il sibilo dei dardi, la morte lo coglie nella casa.
Chi si spegne così da nessuno è amato o desiderato.
L’altro, se muore, lo piangono umili e potenti.
A tutto il popolo resta il rimpianto del valoroso
dopo che è morto, se invece vive è venerato da semidio.
Agli occhi di molti è come una torre:
da solo ha compiuto imprese degne di molti.

Annunci

There are no comments on this post.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: